Home - Da non perdere - Il libro del mese

Pum! Pum!

Autore:
Davide Calì
Editore:
ZOOlibri
Illustratore:
Maddalena Gerli
Pagine:
28
Prezzo €:
15
Target:
3-6 anni

La trama

"C'era una volta un cacciatore di orsi. A dire il vero lo sarebbe stato se almeno una volta avesse cacciato un orso, ma di orsi da cacciare nel bosco ormai non ce n'erano più. Solo uno era rimasto, dicevano, nascosto chissà dove, e il cacciatore d'orsi aveva deciso che lo avrebbe cacciato lui". Ecco la piccola storia è tutta qui: un cacciatore, rotondetto, pressoché calvo e un po' sbruffone che vuol diventare famoso trovando e uccidendo l'unico orso rimasto. Lo vediamo quindi in azione e, per vedere se il fucile funziona, man mano spara quando incrocia un coniglio, un gatto selvatico, una volpe, un alce: Pum! Pum! Pum! Pum!. Per fortuna i suoi tentativi vanno a vuoto giacché le immagini ce lo mostrano che dapprima s'inciampa in una radice. Poi mette il piede su di un provvidenziale riccio di castagna, viene disturbato da un moscone, gli cade giusto sul berretto che copre la pelata una grossa pigna. Insomma fa cilecca. Poi finalmente lo incontra, il plantigrado: proprio mentre quest'ultimo, vicino ad un corso d'acqua, mezzo ghiacciato, si sta mangiando un bel pesce.

Così con calma carica il fucile, inserendo ben dieci cartucce, giusto perché non si sa mai. E prende la mira. Ma, lasciando la parola al testo: "Improvvisamente gli venne in mente una cosa: Non poteva essere un cacciatore d'orsi senza averne prima cacciato almeno uno, ma non poteva esserlo nemmeno dopo averlo fatto, se di orsi non ne restavano più. Forse cacciare l'ultimo orso non era una buona idea. Forse era proprio un'idea stupida". E così decide di lasciar perdere e reputa che come passatempo sia molto meglio sdraiarsi su di un parto a veder l nuvole che passano, portate dal vento. "Perché il cielo e le nuvole, quelli non finiscono mai".

Perché leggerlo

Dopo la sconcertante vicenda dell'orsa Daniza, morta per una errata narcotizzazione e certi sconsiderati appelli a sparare ai lupi, l'albo illustrato assume una sua indubbia e non voluta attualità. Un motivo in più di riflessione. Ma, di certo, non è questo ciò che conta. Vale invece la freschezza e la vivacità di un racconto semplice, gustoso e per nulla banale. D'altro canto Davide Calì vanta ormai una ricca e diversificata esperienza nel mondo dell'editoria: disegnatore di fumetti, con alle spalle una lunga collaborazione con Linus, illustratore e, ancor più, autore di libri per l'infanzia. Su questo versante si è specializzato, con esiti di grande interesse, nel campo dell'albo illustrato. In circa dieci anni sono ormai una sessantina i testi pubblicati, con una predilezione per il mercato francese.

Mi piacciono poi le illustrazioni allegre e sornione, capaci di stabilire con il testo un rapporto fatto di acute e ridenti sottolineature. Maddalena Gerli è una artista giovane e promettente con collaborazioni per Einaudi, San Paolo, Terre di Mezzo, per quest'ultimo ha realizzato i disegni di un volume che mi piace consigliare: Trottole, ruzzole, lippa e compagnia. 50 giochi popolari da tutto il mondo di Carlo Carzan.

A cura di Walter Fochesato, esperto di letteratura per l'infanzia, Rivista Andersen, Accademia di Belle Arti di Macerata.

Iscriviti alla newsletter

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi articoli usciti e su altre interessanti novità.

Scrivici una mail

Aiutaci a migliorare.