Come rendere meno difficile il viaggio?

 

Quando dobbiamo partire per le vacanze con il bimbo piccolo è sempre un dramma, anche perché dobbiamo muoverci in auto per diverse ore. Dopo pochi minuti il bimbo inizia a strepitare, vuole parlare continuamente e si annoia. Avete qualche consiglio per rendere meno "difficile" il viaggio?

Prima di parlare di come intrattenere il bimbo durante un trasferimento in auto, lungo o breve che sia, occorre ricordare quanto è importante la sicurezza. Purtroppo si vedono ancora mamme che non utilizzano correttamente i seggiolini per auto, o magari non li fissano a dovere. Non fate questo errore: il bimbo deve essere posto su un seggiolino adeguato per il suo peso e la sua età (vedi consigli in altra area del sito) e soprattutto fissato a dovere per preservarlo da possibili traumi. Per il resto, il racconto ad alta voce è sicuramente un'arma fantastica (in tutti i sensi), per agevolare il piccolo durante trasferimenti che possono annoiarlo. Giochi che lo intrattengano, libri e racconto sono molto efficaci e se non li avete a disposizione raccontate semplici storie della vostra infanzia, cercando di coinvolgerlo. Ricordate che i più piccoli si divertono molto a sentire le storie in cui sono protagonisti i genitori, i nonni o i fratelli e sorelle.

Per il resto, oltre a programmare le canoniche soste durante il viaggio e a non far mancare acqua e qualche spuntino asciutto (ad esempio crackers o biscotti), sfruttate eventuali contrattempi come una coda legata al traffico per creare un racconto. In questo modo anche per voi il tempo passerà più veloce, e in compagnia del vostro bimbo!

Lo sapevi che...

Il lattante può viaggiare in aereo?

I bambini molto piccoli possono fare un viaggio in aereo. L'importante è tenerli vicini e magari raccontare loro qualche fiaba per distrarli, o magari sfogliare insieme un bel libro che mostri tante figure. Mamma e papà possono descrivere quello che si vede, con voce calma, per aiutare il piccolo a trascorrere il tempo. C'è però un piccolo segreto per evitare che soffra degli sbalzi di pressione all'interno della cabina. Ricordate di far deglutire il piccolo alla partenza e all'atterraggio: rischia di meno di piangere per il dolore.

 

Iscriviti alla newsletter

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi articoli usciti e su altre interessanti novità.

Scrivici una mail

Aiutaci a migliorare.