Home - Materiali - La rivista digitale - Che bel sorriso bimbo mio

Mamma non ho fame!

 

Anche se può sembrare strano, le giuste letture possono aiutare i bambini che non hanno voglia di mangiare.

Cosa accade

"Il mio bambino non mangia". Il pediatra fornisce tutte le indicazioni per lo svezzamento, e più avanti, per l'alimentazione completa. Ma la mamma trova difficoltà a fare in modo che il piccolo si nutra adeguatamente. E si preoccupa. Va detto che solo raramente le difficoltà del piccolo a finire quanto ha nel piatto sono legate a piccoli disturbi dell'apparato digerente, che debbono essere accertati ed eventualmente affrontati dal pediatra. Nella stragrande maggioranza dei casi, invece, il "difficile" rapporto con il cibo è figlio delle relazioni in famiglia.

A volte proprio la mamma si preoccupa troppo, visto che i bambini hanno la capacità di "autoregolarsi", alternando fasi di apparente scarsa alimentazione con momenti di "abbuffate". L'importante, insomma, è cercare di comprendere: in primo luogo se effettivamente il bambino mangia poco (se cresce regolarmente, non è il caso di preoccuparsi troppo visto che spesso è la nostra "percezione" che falsa il rapporto), e poi se dietro a questi comportamenti ci sono difficoltà psicologiche da esplorare.

Cosa fare

Per cercare di risolvere il problema, se davvero esiste, occorre ricordare che il bambino ha come esperienza centrale il gioco. Ed anche a tavola si può "giocare": questo non significa trasformare la tavola in un diseducativo campo di battaglia, ma nemmeno pretendere che i comportamenti del piccolo si adeguino alle regole di buona creanza degli adulti.

Sfruttare il tempo del pasto è quindi fondamentale. La prima regola è far sì che il bimbo sia a tavola con i genitori. La compagnia di mamma e papà assume un valore ancor più significativo degli stetti cibi che vengono proposti, perché i genitori possono far sentire ai piccoli la vicinanza affettiva e l'interesse che provano verso il bimbo. Non dimenticate mai che i piccoli hanno bisogno di stare insieme a voi e divertirsi: gustare i cibi desiderati, scambiandosi parole che uniscano i pensieri e i sentimenti di grandi e piccoli come in un abbraccio è la ricetta giusta.

Iscriviti alla newsletter

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi articoli usciti e su altre interessanti novità.

Scrivici una mail

Aiutaci a migliorare.