Home - News

Auguri a tutti i papà!

Auguri a tutti i papà!

19 Marzo Festa del papà

In occasione della giornata dedicata alla festa del papà riproponiamo un estratto del numero speciale della Rivista di Leggere per Crescere realizzata nel 2014.

Auguriamo ai papà di passare una giornata insieme ai propri piccoli nella armonia di una bella lettura insieme!

Il ruolo paterno

Un tempo il padre era considerato prevalentemente come la figura centrale dedita a procacciare alla famiglia i beni materiali necessari alla sua esistenza, svincolato da obblighi di accudimento, mentre quelli educativi erano per lo più confinati ai provvedimenti disciplinari a impronta punitiva. Oggi ci si aspetta dal padre anche altro, di essere coinvolto in ogni evento che riguarda l'esistenza del proprio bambino, ancor prima che nasca, quando già, a partire dalla 26a settimana circa, il feto percepisce e distingue le voci: per esempio, parlargli in modo gentile e affettuoso lo familiarizzerà con la figura che incontrerà quando sarà nato, stabilendo una vicinanza fisica ed emotiva che si consoliderà provvedendo ad accudirlo: facendogli il bagnetto, dandogli il biberon, cullandolo, sussurrandogli amorevoli parole, cantandogli ninnenanne; soprattutto, prestando attenzione alle sue esigenze, che si esprimono principalmente con le variazioni dei ritmi del sonno, con il sorriso o con il pianto. Ci si attende dal padre che egli sia veramente disponibile ad ascoltare il suo piccolo quando, di solito a partire dalla fine del primo anno, il bambino comincerà a dire le prime parole significanti.

Ascoltare significa dedicare tempo e attenzione, consentire al bambino di sentirsi libero di esprimersi, elemento importante per acquisire fiducia, senza tuttavia venir meno alla responsabilità di svolgere il ruolo di erogatore di disciplina, che il padre dovrebbe sempre assolvere.

Infatti il bambino, per crescere bene, ha bisogno di sentirsi amato, compreso e libero, ma anche di essere reso consapevole che vi sono dei limiti al proprio agire che vanno rispettati. Una componente di grande responsabilità nel ruolo di entrambi i genitori è quella rappresentata dall'esempio. Quando cominciano, fra i 4 e i 5 anni, ad affermarsi nel bambino i principi del bene e del male, del giusto e dell'ingiusto, del buono e del cattivo comportamento, è decisivo che egli non riscontri differenze fra quello che gli viene detto, in termini di buona educazione o di valori morali, e quello che egli verifica quotidianamente nel comportamento dei propri genitori.

Speciale Agosto 2014- La rivista cartacea di Leggere per Crescere

 

Iscriviti alla newsletter

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi articoli usciti e su altre interessanti novità.

Scrivici una mail

Aiutaci a migliorare.