Home - News

Voglio fare la nanna!

Voglio fare la nanna!

Passiamo un terzo della vita dormendo per ricuperare le forze e dar modo al cervello e all’organismo di rimettersi...

....in forze. Eppure per tanti bimbi, almeno uno su cinque, riposare normalmente sembra davvero un sogno. Per quesyo è importante essere vicini ai più piccoli quando tentano di addormentarsi e magari vogliono continuare a giocare o a parlare, e per questo è utile cercare di raccontare fiabe rilassanti, sempre con il classico lieto fine, per dar loro tranquillità. Ma non sempre aiutarlo a fare la nanna è semplice, soprattutto quando il bimbo è molto piccolo e magari ci sono situazione, come un fastidioso rigurgito dall'esofago, che gli impediscono di cullarsi dolcemente tra le braccia di Morfeo.

Ciò che conta per i genitori è capire che il bimbo nei primissimi anni di vita può avere reazioni diverse di fronte al suo naturale bisogno di riposo. Con le prime conquiste, si accorge via via che rimane sempre più volentieri sveglio, e non solo per nutrirsi. In queste fasi la mamma e il papà possono e debbono per quanto possibile stare vicino a lui, parlargli e dolcemente trascinarlo con loro in un viaggio nella fantasia, fatto di sorrisi, carezze e altre forme di contatto. Più avanti non bisogna preoccuparsi troppo se ogni tanto comincia ad avere sogni che lo agitano, a patto ovviamente che siano occasionali.

E non bisogna nemmeno essere eccessivamente ansiosi quando, passata la soglia dei 30 mesi, il bimbo comincia ad avere la classica paura del buio. Da una parte sta guadagnando in autonomia, dall'altra, pur crescendo, ha ancora un tremendo bisogno di mamma e papà!

Iscriviti alla newsletter

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi articoli usciti e su altre interessanti novità.

Scrivici una mail

Aiutaci a migliorare.