Home - News

Già da piccoli, seguono il linguaggio!

Già da piccoli, seguono il linguaggio!

I neonati? Molto meglio degli adulti, almeno per quanto riguarda la capacità di capire le complesse regole del linguaggio.

I neonati? Molto meglio degli adulti, almeno per quanto riguarda la capacità di capire le complesse regole del linguaggio. E non è una boutade scientifica, quanto una chiara osservazione dimostrata dalle reazioni al linguaggio parlato verificate con l'elettroencefalogramma.

A chiarire la precocità dei più piccoli è stato un gruppo di studiosi del Max Planck Institute for Human Cognitive and Brain Sciences di Lipsia, che è andato a misurare le reazioni del cervello dei bimbi mentre ascoltano un discorso. Dallo studio, pubblicato sulla prestigiosa rivista Proceedings of the National Academy of Sciences (organo dell'accademia americana delle scienze) emerge che già a tre mesi i neonati sono capaci di cogliere e capire automaticamente le relazioni tra le sillabe nel parlato durante l'ascolto. In questo si comporterebbero addirittura meglio degli adulti, che invece mettono in moto i medesimi circuiti cerebrali e si debbono "impegnare" per comprendere le relazioni tra le sillabe.

Leggere e raccontare al bambino, quindi, agisce anche stimolando questa capacità naturale dei bebè. Non comprendono le parole certo, ma riescono a seguire la sequenza delle parole e delle frasi, soprattutto se aiutati da una narrazione varia e non monotona.

Iscriviti alla newsletter

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi articoli usciti e su altre interessanti novità.

Scrivici una mail

Aiutaci a migliorare.