Mamma, ascolta quando blatero!

Mamma, ascolta quando blatero!

A prima vista il piccolo che comincia ad articolare qualche suono fa soprattutto ridere...

...Lo si guarda con grande simpatia, si sorride all'incapacità apparente di riuscire a spiegare con le parole quanto passa nella sua testa, si tende a rispondere con lo stesso frasario poco organizzato.

Qualsiasi comportamento decidiate di tenere, in ogni caso, non dimenticate di ascoltare sempre con attenzione i suoni incomprensibili che escondo dalla bocca del bebè. Dalla vostra capacità di ascoltare i "lalla" apparentemente inspiegabili potrebbe nascere in futuro una maggior abilità nel linguaggio del bambino.

A sottolineare l'importanza dell'ascolto, che ovviamente prevede anche la capacità di saper attrarre il piccolo con le favole e il racconto, è una ricerca condotta dall'equipe di Julie Gros-Louis, psicologa presso l'Università dell'Iowa, pubblicata sulla rivista Infancy. I ricercatori hanno monitorato per sei mesi le interazioni che si creavano tra 12 mamme e i loro piccoli di otto mesi, per un periodo di mezz'ora ogni due settimane. In ogni incontro gli scienziati hanno osservato e valutato le risposte alla "lallazione" dei bimbi, concentrandosi in particolare sui suoni rivolti direttamente alle mamme. Il risultato, valutando a distanza quanto emerso, è stato particolarmente interessante. Quanto più le mamme riuscivano a rispondere agli stimoli lanciati dal bambino con parole inesistenti, tanto più i piccoli sviluppavano nei mesi successivi le loro capacità di linguaggio.

Le vocalizzazioni, insomma, sono davvero importanti. E tu mamma, impara ad ascoltarle con attenzione!

 

Iscriviti alla newsletter

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi articoli usciti e su altre interessanti novità.

Scrivici una mail

Aiutaci a migliorare.