Mamma, che male alle gambe!

Baby legs isolated on white background

Mamma, che male alle gambe!

Basta un massaggio, a volte, per lenire un dolore che interessa le gambe e sembra invincibile, tanto da far piangere il bimbo. Eppure quel dolore non nasce da nulla di grave, ma soltanto è “figlio” della crescita.

Basta un massaggio, a volte, per lenire un dolore che interessa le gambe e sembra invincibile, tanto da far piangere il bimbo. Eppure quel dolore non nasce da nulla di grave, ma soltanto è “figlio” della crescita. Pensate che i dolori di crescita interessano almeno un bambino su dieci tra i 3 e i 12 anni, possono durare  da pochi minuti a ore e di norma compaiono la sera o la notte. Le cause sono tuttora sconosciute, sebbene si ipotizzi da più parti l’eccessivo sforzo muscolare, durante la giornata, di un bambino attivo e sempre in movimento.  Per questo si pensa che le cause più probabili siano sforzi provocati dai salti, dalle arrampicate e dalle corse a cui tutti i bambini attivi si dedicano quotidianamente.  Il dolore si manifesta soprattutto alle cosce, ai polpacci, alle gambe e dietro le ginocchia o ai piedi, raramente alle braccia. Come detto, il dolore si calma spesso (anche se non sempre) con i massaggi e tranquillizzando il bambino.

A volte il dolore si manifesta per più notti di seguito. In genere il fenomeno passa da solo col tempo, ma ci sono elementi che non vanno sottovalutati. Bisogna mettersi in allarme ad esempio quando il dolore è continuo, non si calma, si aggrava con il massaggio, è a carico di una articolazione che appare tumefatta o arrossata o il bambino presenta altri disturbi (febbre, zoppia, malessere, zoppia).  Ma il tuo pediatra sa come affrontare la situazione!