Mamma, fammi suonare!

Non adiratevi se strimpella una piccola chitarra oppure muove senza apparente senso musicale le dita su una tastiera...

Imparare a suonare uno strumento può essere per il bambino una formidabile occasione di crescita e di sviluppo cerebrale. Di più: "studiare" musica può aiutare a ridurre l'ansia, a gestire meglio le emozioni che avrete sviluppato anche con il racconto ad alta voce e addirittura a migliorare la sua capacità di attenzione.

Mamme e papà, se il piccolo chiede a gran voce di sviluppare il suo "istinto" musicale, non frenate i suoi impulsi. A confermare il valore di questo semplice mezzo per lo sviluppo psicofisico è una ricerca apparsa su Journal of the American Academy of Child & Adolescent Psychiatry, che ha preso in esame 232 bambini tra i 6 e i 18 anni, studiati con la risonanza magnetica per scoprire la reazione delle aree cerebrali maggiormente sollecitate quando si impara a suonare uno strumento. La ricerca ha dato risultati davvero interessanti: studiare musica può avere un influsso diretto sul cervello. Per questo, anche se vi sembra davvero lontano dal proporre una melodia accettabile e le vostre orecchie soffrono, date modo al piccolo di sviluppare il suo istinto musicale. Dapprima come un semplice gioco, poi attraverso lezioni che lo aiutino a crescere. la passione per i suoni può essere uno strumento formidabile per lo sviluppo e per la sua manualità!