Mamma racconta… e io riposo!

Mamma racconta… e io riposo!

Ha sempre voglia di stare con noi, lanciare vocaboli presenti solo nella sua fantasia...

...e non riesce proprio ad andare a nanna quando dovrebbe. Se mamma e papà si trovano a fare questi ragionamenti, non appena la piccola "peste" ha preso sonno, forse dovrebbero pensare anche come aiutare il bimbo a regolare i suoi ritmi notturni.

La risposta viene da una ricerca condotta all'Università della British Columbia pubblicata su Paediatric Respiratory Review. La ricetta ideale per aiutare il bambino a cadere felicemente tra le braccia di Morfeo e a riposare il tempo necessario è tanto semplice quanto poco dispendiosa: niente farmaci né strumenti informatici, basta la voce di mamma e papà che raccontano una favola. Insomma, evitate di metterlo davanti ad uno schermo ma organizzate la serata per stare con lui. Prima cenate assieme, poi, dopo le giuste moine che sempre richiede, ricordate di accovacciarvi vicino al lettino e cominciate a narrare. Va benissimo una fiaba, magari tenendogli la mano, per poi arrivare a viaggiare insieme a lui nel mondo della fantasia. E' un approccio semplice, che però funziona.

L'importante è che senta la voce di mamma o papà, che percepisca gli sviluppi del racconto, che possa immedesimarsi su quanto viene narrato. Poi, come d'incanto, le palpebre si chiuderanno piano piano ed il sonno sarà riposante e pieno di sogni, da vivere assieme ai genitori!